# 12 – Il piacere negato

Se ne sta seduto in un angolo, portando la sua magrezza nervosa sulla punta delle dita che reggono una sigaretta.

Cinquant’anni, primi spruzzi di grigio sui capelli folti ben pettinati, indossa un Armani spezzato con la stessa naturalezza con cui altri portano un’Adidas casalinga. Le gambe sono accavallate, così magre da sembrare indistinguibili. Il gomito sul ginocchio, il polso aperto, ad angolo retto. E lo sguardo quasi annoiato regge il gioco alla sua compagna di turno. Venticinque anni, giusto la metà, pensa. All’inizio della serata aveva un vertiginoso vestito, scollato, breve, nero. Ora è in un angolo della stanza, così vuoto, senza peso. Si è chiesto spesso come attirasse donne così giovani e belle. Quest’ultima gli ha spiegato la risposta. Con gli occhi, con il corpo. Lo guarda, circondata da altri uomini. Con lo sguardo sfida la sua annoiata impotenza.

Mentre lei, inginocchiata, tiene tra le sue dita l’eccitazione di altri uomini che non potranno mai averla davvero, lui capisce. Capisce che il desiderio inevaso è il movente, l’impossibilità il motore. Il piacere negato la formula di quel fascino inestinguibile.

~ di piccolestoriescrittemale su 23 gennaio 2009.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: