# 14 – There’s no I in a threesome

Lei lo fissava, anche se lo sguardo era vagamente vuoto. Lo amava, senza dubbio. Ne ammirava l’eccitazione, il corpo così conosciuto mentre mani nuove le percorrevano le gambe. L’Altro sentiva il calore del suo corpo, si preparava a rinsaldare il legame dei due. Lei sapeva che stava arrivando rapidamente il punto di non ritorno, il momento in cui non si sarebbe più controllata; per ora però aveva ancora il possesso del suo corpo, del proprio piacere.
_________________

La amava ancora? Era amore godere di un altro uomo che la portava a perdere il controllo?
Se lo chiedeva mentre alternava lo sguardo tra il viso di lei e quello dell’Altro affondato tra le sue cosce.
Continuava a chiederselo mentre sentiva i suoi gemiti crescere, le piccole gocce di sudore sul viso, guardandola fissarlo vacua, sempre più stregata dalla lingua dell’Altro uomo, dalle sue movenze, da quel rituale quasi circense che presto l’avrebbe portata ad urlare fuori il grumo di desiderio che si portava dentro.
Lui si alzava e si avvicinava ai due, mentre lei muoveva gli occhi tra il membro del suo uomo e il viso dell’Altro. Sapeva che questo era il cambiamento, il momento che li travolgeva.
__________________

L’Altro ora stava alle spalle di Lei. Partecipe, indubbiamente, di un gioco riservato, godeva di quell’immersione nell’intimità altrui più della meccanica sessuale. Sapeva che non era l’amore a guidare, né loro né altri. Conosceva l’animo umano, e provava un piacere infinito nel giocare con esso.
Accelerava il ritmo mentre li osservava, li sovrastava. Usava il corpo di Lei, come Lei bramava. Forza, decisione, vigore, solo parole che mal descrivono l’impeto di tre corpi che diventano uno, con l’anima della donna in mezzo ai due.
Il tempo significava poco, anche se sapeva che presto sarebbe finito. Si sarebbe vestito in silenzio e sarebbe uscito dalle loro vite. Loro avrebbero continuato a scambiare il piacere per amore, scimmiottando sentimenti di cui ormai erano privi. Lui sapeva che era la complicità di un desiderio profondo a creare il legame, e gli bastava.
Gli effetti li colpirono, i sensi esplosero nella tarda imitazione di un baccanale.
Si vestì, e uscì dalle loro vite.

~ di piccolestoriescrittemale su 26 gennaio 2009.

2 Risposte to “# 14 – There’s no I in a threesome”

  1. Devo farti i miei complimenti. Per lo stile, l’eleganza, la levità.
    Passa ancora sul mio blog, ho in mente una bookzine, e c’è un posto per te.

  2. Grazie! E complimenti anche a te per il blog. Ti ho mandato un messaggio su fb.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: