# 24 – Il talento di Saint Germain

Pelle liscia, ambrata, illuminata appena da un bruciatore che spande odore di miele. La lunga pipa in una mano; l’altra distesa sul fianco, come il corpo nudo e asciutto sul tappeto. Fuori, la metropoli afosa, in pieno giorno. Nel suo pigro movimento scopre alla luce tenue un seno perfetto, mentre avvicina la sua prigionia alla bocca.

La cravatta di lui la osserva, tesa e perfetta. Gli occhi scuri quasi scompaiono nel buio del loft serrato al mondo.

Le labbra di lei si aprono pigramente, a sputar sentenza sottovoce:

“Il talento non ti salverà per sempre”.

Muove un piede, l’uomo. Il corpo sempre teso, mai un rilassamento, nemmeno ora, dopo l’assoluzione.

“E’ vero, il mio talento non basterà. Ma, da duemila anni ad oggi, è stato più che sufficiente”.

Si faceva chiamare Il Conte. Millantava frequentazioni leggendarie. Raccontava di giovani efebici e baccanali dionisiaci; narrava delle rivoluzioni passate viste da spettatore, ma in prima persona singolare. Parlava di lei già al passato.

~ di piccolestoriescrittemale su 19 febbraio 2009.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: